Capire la la differenza tra carta di credito, bancomat e carta prepagata per evitare di entrare in debito

Recentemente ho avuto una disavventura con la mia carta di credito mentre qualche giorno fa me ne hanno spedita una nuova. Ad oggi, ancora non l’ho attivata e molto probabilmente mai lo farò. Per quale motivo?

Innanzi tutto, cerchiamo di fare chiarezza e capire qual è la differenza tra carta di credito, bancomat e carta prepagata.

  • Credito. Ogni volta che si utilizza una carta di credito, in realtà si prende in prestito il denaro che viene messo a disposizione da una banca (o altro istituto finanziario). Spesso è gestita da un circuito che non fa pare della banca. Attivando una carta di credito, ci si impegna a restituire i soldi presi in prestito con in aggiunta un tasso di interesse, come da contratto.
  • Bancomat. Emesso dalla vostra banca, prende fondi direttamente dai soldi che avete nel vostro conto bancario. Potete effettuare l’acquisto soltanto se il denaro è disponibile. In sintesi forniscono accesso immediato al vostro denaro e sono accettati in tutto il mondo.
  • Prepagate. Le carte prepagate sono carte ricaricabili che permettono di spendere solo fino all’importo che avete preventivamente depositato al suo interno.

Analizziamo ora i pro e i contro di ogni singola carta.

I pro della carta di credito

  • Le carte di credito offrono la tutela dei consumatori per eventuali frodi. Ad esempio, se notate spese sospette sul vostro conto, il gestore della carta è tenuto ad indagare. Per farlo basta sollecitare la cosa attraverso una richiesta scritta ed eventualmente una denuncia presso le forze dell’ordine.
  • Offrono anche una tutela sugli acquisti effettuati. Le carte di credito proteggono il consumatore sui grandi acquisti, acquisti fragili, oggetti spediti.
  • Le carte di credito sono un ottimo strumento per i consumatori che vogliono stabilire (o ristabilire) uno storico sul proprio credito. Un uso responsabile della carta può migliorare il proprio rating. In genere segnalano le proprie attività ad almeno una delle tre principali agenzie di credito su base mensile. Se usate con saggezza, aumentano le probabilità di ottenere condizioni di credito favorevoli (bassi tassi d’interesse) per acquistare auto, mutui, prestiti personali, ecc.
  • Le carte di credito permettono di raccogliere punti con cui ricevere bonus (es. voli gratuiti).
  • Offrono un servizio sms con cui venire immediatamente a conoscenza di ogni singolo acquisto. Molto utile in caso di fraudolenza.

I contro della carta di credito

  • Il motivo principale per non avere una carta di credito è il rischio di entrare in debito. Se non si pagano in tempo i saldi si finisce per pagare più e più volte con alti tassi di interesse e conseguenti penali per il ritardo. Non ci vuole molto per distruggere il vostro buon credito. Molte persone impiegano pochissimo tempo per entrare nel debito e una vita per uscirne fuori.
  • Molte carte di credito hanno tasse annuali.
  • Così come le carte di credito offrono l’occasione per costruire un buon profilo come creditore, al tempo stesso forniscono anche la possibilità per demolirlo pagando in ritardo i saldi. In questo caso, sono un modo veloce per rovinare tutto ciò che di buono avete costruito duramente per un’intera vita.
  • Il furto del codice PIN con dispositivi di clonazione può essere realizzato molto più facilmente rispetto a una firma basata su un’operazione di credito. Il PIN della carta di credito non è più sicuro di quello di un bancomat.

I pro del bancomat

  • L’utilizzo di un bancomat è limitato ai fondi esistenti sul conto a cui esso è collegato, impedendo così al consumatore di accumulare debito come conseguenza del suo cattivo uso. Inoltre si evitano gli addebitati sugli interessi, le tasse in ritardo o quelle esclusive della carta. Questo è un enorme vantaggio. Evitare di entrare in debito, significa salvaguardare la propria vita finanziaria.
  • Non è necessario un grande merito per avere un bancomat. Nei casi in cui è quasi impossibile ottenere una carta di credito si può avere un bancomat che consente la stessa praticità sugli acquisti offline.

I contro del bancomat

  • Uno dei maggiori svantaggi del bancomat è la possibilità di restare scoperti. Questo succede quando il saldo del conto non dispone di fondi sufficienti per coprire un acquisto. Il vostro acquisto verrà comunque autorizzato, ma la banca valuterà una tassa sullo scoperto fino a un certo importo.
  • I bancomat potrebbero addebitare una piccola somma per ogni utilizzo. Questo importo potrebbe non sembrare molto, ma la sua somma nel tempo farà la differenza.
  • Non hanno una protezione rispetto alle carte di credito. La vostra responsabilità è maggiore soprattutto in caso di acquisti fraudolenti.
  • Le controversie con i commercianti sono molto più difficili da vincere. In questo caso, non avete la banca al vostro fianco per aiutarvi.
  • Non tutti i bancomat aiutano a costruire il punteggio di credito. È necessario assicurarsi che il buon uso della vostra carta venga notato.
  • Dovete prendere l’abitudine di tenere traccia dei vostri acquisti, se volete evitare uno scoperto.
  • Dal momento che i bancomat sono in genere collegati ai conti bancari, se questa e il numero di PIN vengono rubati, l’intero conto bancario potrebbe essere svuotato dai fondi.
  • Non offrono un servizio sms. Se non si controlla con una certa frequenza il proprio conto online, un ladro venuto in possesso del bancomat e del PIN potrebbe saccheggiarvi.

I pro della carta prepagata

  • Non vi è alcuna possibilità di entrare in debito.
  • Queste carte sono ancora più sicure dei bancomat regolari. Potete usare solo quella certa quantità di denaro presente al suo interno. Nessun rischio di danneggiare il vostro credito.
  • Dal momento che la carta prepagata non è collegata al vostro conto in banca, in caso di smarrimento o furto, questo non viene aggredito.
  • Il titolare può aggiungere soldi nella carta in qualsiasi momento pagando piccoli importi per l’operazione (di solito 1 euro come nel caso della PostePay). A volte, non ci sono costi associati.
  • Convenienza: Le carte prepagate possono essere utilizzate a tutti gli effetti come carte di credito. In caso di acquisti in negozi fisici potete firmare la ricevuta.
  • Non ci sono tassi di interesse applicati alle carte prepagate, anche se a volte ci sono piccole spese associate.
  • Alcune di queste carte sono riferite a degli istituti di credito, pertanto è possibile ottenerne l’uso senza avere una una carta di credito.
  • Le carte prepagate sono ideali per i genitori che non vogliono dare una carta di credito ai propri figli.

I contro della carta prepagata

  • Se la carta prepagata viene rubata ci vuole parecchio tempo per recuperare il denaro prelevato. È necessario leggere attentamente la policy in caso di furto e uso fraudolento.

Conclusione

Ci sono centinaia di carte disponibili. Non è tanto importante quale di queste userete ma trovare la migliore soluzione alle vostre esigenze. Ottenere la carta sbagliata può causare gravi problemi finanziari in futuro. Avete bisogno di guardare onestamente le vostre abitudini di spesa. Nessuno ha intenzione di entrare in debito. Se non siete il tipo di persona che si lascia travolgere dagli acquisti compulsivi, la via più sicura è certamente una carta prepagata.

Nel mio caso, le ho usate tutte e tre. In questo momento, come accennato ad inizio articolo, non ho alcuna intenzione di continuare a usare una carta di credito. In fondo, quest’ultima la usavo solo su Internet ma – come consigliato da un’amica – posso ripiegare tranquillamente su una prepagata. Certo, sarà meno pratica ma in questo modo avrò l’intera situazione sotto controllo.

Per ora mi terrò anche il bancomat che userò insieme alla prepagata. Valuterò nel tempo se tenerlo o meno. E voi, usate le carte? In che modo evitate di entrare in debito?


Crescita Personale: ebook IL BOTTO!

55 Responses to Capire la la differenza tra carta di credito, bancomat e carta prepagata per evitare di entrare in debito

  1. Alessandro, grazie del post che credo possa essere utile a moltissimi (e’ incredibile ma ancora molte persone non conoscono la differenza tra carta di credito e bancomat!).

    Faccio solo una precisazione. Sulla carta di credito NON si pagano interessi se e’ pagata a saldo, visto che le societa’ che gestiscono il circuito guadagnano ampiamente con la transazione.

    Se spendi 100 euro con la carta, li pagherai il mese successivo “paro paro” (o almeno, le mie carte funzionano tutte cosi’).

    Il commerciante invece ne vedra’ solo 97/99, per cui quella differenza (che sembra minima ma e’ ENORME, dopotutto e’ il 1/3% per UN MESE!) basta a soddisfare le societa’.

    I problemi iniziano quando si sceglie una carta revolving (paghi un tot al mese).

    Ho visto persone andare pericolosamente fuori controllo, sia negli USA (dove e’ normale accumulare 40/50mila dollari di debiti anche da nullatenenti!) che anche in Italia ultimamente.

    Di regola, a seconda dello strumento di pagamento, basterebbe sapere quello che ci si puo’ permettere o meno :-)

    Io ho risolto semplicemente decidendo delle “regole” da seguire e rispettandole… magari un giorno le condivido e rimetto in moto il blog agonizzante da mesi :-)

    Buon proseguimento

    • @Piernicola, esatto, a saldo non si pagano interessi. Mi sono concentrato maggiormente sul concetto di “credito”. Resta comunque il fatto che quei soldi possono anche non essere nel conto in quel lasso di tempo. La cosa è altrettanto pericolosa. La revolving non l’ho mai usata ed è per questo che non l’ho citata anche se – giustamente come scrivi – è la più deleteria. Se vuoi scrivere un articolo su questo blog, sei il benvenuto! ;-)

      • Tra l’altro – nota culturale – l’abitudine di pagare le carte di credito a saldo e’ solo in alcuni paesi europei.

        Ed infatti pochissimi americani comprendono che tu possa usare una carta di credito e pagare tutti i mesi il debito residuo!

        In altre parole, al di la di come funzioni la carta, storicamente la carta di credito e’ stata considerata come uno strumento di pagamento in Italia, e come uno strumento di credito in USA.

        Complice anche il poco credito concesso in Italia. La media delle carte di credito in Italia e’ sui 1500/2000 euro. Ricordo le battaglie per farmi alzare il massimale visto che non mi bastavano i 4000 euro che avevo su una delle mie carte!!!!!

        In USA invece se sei uno sfigato ti arriva con 10mila dollari di credito, in alcuni casi e’ facile anche 25 o 50. Che puoi restituire comodamente a 100 dollari al mese…. per il resto della tua vita :-)

        Differenza da non poco perche’ i pirla sono capaci di spenderseli tutti in un week end!

        Meno male che almeno in questo siamo meno “avanzati” :)

  2. Ciao Ale! :)
    Ma tu questi articoli devi venirli a pubblicare su RicchezzaVera! :)
    Comunque ti sei dimenticato della peggiore delle carte… roba che le carte di credito sono dei giochini da ragazzi al confronto…
    Sto parlando della terribile CARTA REVOLVING!
    Che secondo me l’avrebbero dovuta chiamare REVOLVER, perchè c’è da spararsi una volta che enrti nel suo circuito! :D

    In pratica è una carta che ti presta soldi ad un tasso usuraio tale che per anni paghi e il debito rimane sempre… un trucchetto algoritmico degno di un genio del male!

    Vabbè, comunque grazie per lo splendido articolo… mi hai fatto quasi venir voglia di togliermi le carte…
    :-)
    1abbraccio!
    Josè

    • @José, giuro che ci stavo facendo un pensierino e quasi me ne pento di non averlo fatto! :-)
      Ho elencato le carte che uso (ho usato). La Revolving non l’ho mai avuta (per fortuna). Per ora mi terrò bancomat e prepagata. La carta di credito che mi hanno spedito recentemente non l’attiverò. Credo che il mio cash flow ne guadagnerà! ;-)

  3. Sono sicura che il tuo post aiuterà molte persone a capire finalmente la differenza. Stupendo analisi, mi hai fatto arrivare alla conclusione che fanno schifo tutte e tre … d’ora in poi metterò i miei soldi sotto il materazzo :D

  4. Ciao Alessandro, sono perfettamente daccordo con te.
    Io uso principalmente le prepagate per gli acquisti su internet.
    Ho il bancomat ma lo uso rarissimamente perchè pur essendo abbastanza giovane quando vado nei negozi preferisco ancora pagare con soldi fisici, sarà che qualche anno fa sono rimasto traumatizzato dal fatto che il bancomat al supermercato non funzionò creando una megafila e solo dopo alcuni minuti abbiamo capito che avevano un problema di linea ma ne rimasi imbarazzatissimo.
    Per quando riguarda le carte di credito, ne farei molto volentieri a meno e la uso davvero raramente, solo che quest’anno in crociera accettavano solo ed esclusivamente le carte di credito, in alternativa era possibile saldare con l’assegno a fine crociera con l’enorme scocciatura di fare una immensa fila prima dello sbarco.
    Poi mi è servita negli USA perchè la postepay non l’accettavano.
    Ora però mi viene il dubbio e lo chiedo a te e anche ai tuoi lettori, ma è un problema di prepagata in generale o perchè in america non accettano il circuito Visa Electron mentre se avessi avuto una prepagata mastercard avrei potuto usarla tranquillamente?
    Al tempo non mi posi il problema usai la carta di credito e via.
    Per quanto riguarda le revolving per fortuna non ne ho mai avuto a che fare e sinceramente mi resta difficile capire perchè le persone finiscono per indebitarsi con questa diavoleria.
    Ottimo articolo :-)

    • @Francesco, sai che non saprei risponderti? Non sono ancora mai stato negli USA e non saprei dirti quale carta prepagata venga accettata. Ora cerco di coinvolgere qualche amico che ha viaggiato negli Stati Uniti. Vediamo cosa ne esce fuori.

      • la postepay a me personalmente è stata accettata eccome negli USA! io nel 2004 ho anche nollegiato alla hertz di los angeles dove come regola ci vorrebbe la carta con i numeri in rilievo e nome e cognome su di essa forse dipende dalle situazioni se vai dal singolo commerciante che non vede nome e cognome ti dice che non l’accetta (ma io per noleggiare l’auto avevo dato la mia patente e passaporto )

      • Ciao Ale, mi sono informato un po anch’io. Mi hanno confermato che la paypal su circuito master card funziona in Usa. Mentre la lottomaticard classica no perchè è Visa Electron come la postepay e quindi non è accettata.
        E’ accettata invece la Lottomaticard Easy perchè è sul circuito mastercard.
        Ti ringrazio per le info, spero di essere stato altrettanto utile.

  5. Ciao a tutti, ho trovato questo blog per caso e devo dire che è davvero ottimo, come ottimi sono gli articoli che ci sono. Personalmente ho sempre usato la postepay e mi sono sempre trovato DA DIO e ho sempre comprato ogni cosa con quella. Ora che lavoro mi sono fatto fare un bancomat collegato al conto corrente dove mi arriva lo stipendio, e devo dire che è molto comodo per prelevare, ma per gli acquisti carico sempre la poste pay e la carta di credito al momento non voglio nemmeno averla.

    Passate a fare un giro nel mio blog, ci sono articoli interessanti

  6. Una domanda. Ho una carta prepagata (nello specifico è una Superflash del gruppo Intesa San Paolo), nel momento in cui la utilizzo per pagare in un negozio mi viene chiesta la fatidica domanda “carta o bancomat?”. Cosa dovrei rispondere?
    Grazie

  7. caro alessandro ho una carta prepagata la fomasa carta super flash lo smarrita ho fatto la denuncia ho presentato il blocco datomi da un numero verde vado aallo sportello della filiale x prelevare il mio stipendio accreditato ormai sulla carta en non mi fanno prelevare affinchè non arrivi la nuova carta in poche parole mi hanno seguestrato lo stipendio mhua non mi sembra cosi sicura visto che la banca stessa che se le presi in attesa della nuova e non so come fare x mangiare

  8. ciao, tutti siete contrari alla carta di credito, ma io che per lavoro sono costretto a viaggiare in aereo e quando arrivo all’aeroporto noleggio un auto, mi viene chiesta SOLO la carta di credito per il deposito cauzionale, ho provato con bancomat o postepay (le cosidette carte di debito) ma non ne vogliono sapere di accettarle, mentre con la carta di credito circuito visa ( anche se io avrei preferito mastercard,ma in banca non me la volevano dare, vai tu a capire il perchè) l’accettano senza problemi!!!

    • @matteo, hai mai provato con il carsharing? Non servono carte di credito e costa molto di meno di un “rent a car” (te lo dice uno che nel settore ci ha lavorato 8 anni). Forse l’unico ostacolo è che non le trovi in aeroporto ma nel centro della città. Ma è un servizio che sta crescendo rapidamente.

  9. Ciao a tutti, visto che siete esperti volevo porvi il mio problema.. Io possiedo una BancoPostaClick (Mastercard) collegata al mio conto corrente, una Postepay (Visa) con alcune centinaia di euro e una Paypal (Mastercard) sempre ricaricabile.
    Io ho provato a fare benzina in centinaia di selfservice ma nessuna di queste ha mai funzionato!! Solo la BancopostaClick se il benzinaio è aperto.
    Quindi stò cercando una banca che rilasci un Bancomat prepagato anche se non sono certo del problema! Premetto che ho provato da tutti i gestori, ma solo nord italia.

  10. trovo questo “articolo” completamente sbagliato e con moltissime lacune e differenti grossolani errori!
    alcuni concetti hanno qualche fondamento di verità; ma nella totalità non lo trovo corretto!
    Le carte di pagamento (essendo moneta elettronica) vanno semplicemente usate con un pó di raziocinio..

  11. Cazzate! Il bancomat necessita di un PIN. Senza il PIN non si fa proprio nulla. Risulta pertanto in assoluto e di gran lunga il più sicuro. A mio parere, in quanto a sicurezza, non esiste confronto. A meno che non teniate, il PIN vicino alla carta…. In questo caso sareste dei pirla.

  12. Ciao, ottima guida complimenti.
    Unica nota: il fatto che i bancomat offrano o meno servizio sms dipende dalla banca che ha erogato il bancomat. La mia per esempio dispone di questo servizio.
    Saluti

  13. Ciao, vorrei chiederti una cosa. Sto vendendo oggetti su in internet e vorrei fare versare i soldi dei compratori sulla mia carta postepay. Quei soldi poi li posso usare per comprare oggetti su internet come se avessi messo i soldi io e li posso anche ritirare come se andassi al bancomat?

  14. Ciao, vorrei chiederti una cosa. Ho messo alcuni annunci su internet in cui vendo vari oggetti e vorrei far versare i soldi ai compratori su la mia carta postepay. Quei soldi poi io li potrò usare per comprare su internet e li potrò anche ritirare rendendoli soldi concreti, diciamo? Grazie.

  15. Caro Alessandro,
    ho trovato l’articolo in generale molto interessante e ti ringrazio per avermi aiutata a fare un po’ di chiarezza (in fin dei conti sono ancora una ragazzetta alle prese con i primi stipendi), tuttavia sulle prime non capivo come mai avessi deciso di sconsigliare e rinunciare ad ogni carta di credito… poi ho letto il tuo articolo sulla disavventura. Agghiacciante, senza dubbio, ma resto dell’idea che essendo queste degli strumenti un po’ più completi al momento potrebbero risultare l’opzione più conveniente per me… ad ogni modo vedremo.
    Intanto di nuovo ti ringrazio per l’aiuto a riflettere con chiarezza su dei punti importanti che spesso (magari anche graie al consulente che giustamente fa il comodo suo) passano quasi inosservati.

  16. Ciao, volevo chiederti una cosa a proposito di Superflash e Postpay.
    Devo prendere i biglietti per un concerto in inghilterra su un sito chiamato Ticketmaster che per i pagamenti richiede carte (di credito) di circuito American Express, Mastercard e Visa. Ora la mia domanda è: la postpay è considerata carta di credito per quel tipo di acquisto? E la Superflash? Mi hanno detto che essendo Mastercard questa funziona sicuramente (e personalmente non ho mai avuto problemi nemmeno con biglietti aerei) però è abbastanza carta di credito per gli UK?
    So che sono andata off topic però ho davvero un dubbio atroce.
    Grazie in anticipo.
    -Jessica

  17. Ponete Attenzione alle carte, se dovete effettuare acquisti su internet, perche’ quelle MASTERCARD DEVONO AVERE IL SECURE KEY CODE, che è un codice di sicurezza aggiuntivo per convalidare gli acquisti,
    senza di quello, nel 90% dei siti non si riesce poi ad acquistare,
    un esempio è la grande fregatura di lottomaticard EASY che in realtà è un imbroglio colossale, perchè neanche quelli della lottomaticard lo sanno… (incredibile…)
    >> NON E’ POSSIBILE ATTIVARE IL CODICE DI SICUREZZA perchè non v’è la possibilità.. nè sul loro sito nè su quello della MASTERCARD
    e così la vostra carta la potete buttare nel cesso..
    mentre con la postpay newgift la sezione di attivazione presso il sito MASTERCARD funziona..

    e neanche chiamanto loro al call center in Albania(si trova realmente lì) lo sanno
    e neanche sanno cos’è… INCREDIBILE !!!
    sono proprio degli incapaci..

    STATE ATTENTI !!!

  18. La prepagata è sicuramente la card più sicura, quando però si deve noleggiare una autovettura viene sempre richiesta la classica carta di credito e chi non ce l’ha rimane fregato.

  19. Ciao Alessandro, visto che hai lavorato in una multinazionale del noleggio auto, mi spieghi cortesemente perché anni fa noleggiavo auto con postepay, bancomat o cash e invece dal 2008 credo, é richiesta solo carta di credito? Ho letto che é a causa del deposito cauzionale. Posseggo anche un bancopostaClick mastercard con numeri e nome in rilievo collegata ad un conto. Ma non possono farlo ugualmente sulla mia carta collegata al conto? Grazie, saluti :)

    • Umberto non lavoro in una multinazionale del noleggio dal 2007. Cosa hanno scelto di fare dopo, mi è oscuro. Oltretutto negli ultimi anni lavoravo per un’azienda che noleggiava a lungo termine (aziendale) e non breve (su quest’ultimo viene richiesta la carta di credito).

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.