Come imparare l’inglese in tempi da record senza addormentarsi sui libri

Amo le lingue di tutti i paesi perché amo le culture diverse, ad esse collegate.

Ho studiato francese alle scuole medie e al liceo, e ho una conoscenza piuttosto scarsa dopo anni senza praticarlo, ma ho una buona conoscenza dello spagnolo che parlo e scrivo quotidianamente e un inglese più che sufficiente per conversare e leggere i post dei blog in questa lingua.

Per il 2010, mi sono imposto di migliorare notevolmente lo studio della lingua inglese. Trovo sia davvero limitante parlare esclusivamente la lingua del paese dove si è nati soprattutto quando si tratta di evitare di imparare l’inglese.

Grazie alla nostra mente, siamo in grado di apprendere non solo una lingua, ma due o tre o anche di più. Purtroppo spesso pensiamo al nostro cervello come un grosso contenitore dove aggiungendo cose ne riduciamo lo spazio.

Quale lingua imparare?

Di tutte le lingue del mondo, come si fa a scegliere quella giusta?

Non credo vi sia un “diritto” della lingua. Tuttavia, se non è la tua prima lingua, sarebbe vantaggioso imparare l’inglese in quanto è la lingua più parlata a livello internazionale mentre dalla sua conoscenza possiamo riscontrare innumerevoli vantaggi professionali e personali.

Alcuni vantaggi per chi sceglie di imparare l’inglese

Imparare l’inglese non è un trofeo da esporre sulla bacheca.

Innanzi tutto rende più appetibile il tuo curriculum e potrebbe aiutarti a trovare un lavoro precedentemente fuori dalla tua portata: pensa a tutte quelle attività commerciale con i clienti internazionali o filiali all’estero.

Ad esempio nel mio lavoro mi è enormemente utile perché la stragrande maggioranza delle risorse online che adopero, sono tutte in lingua inglese. In fondo, non sono certo io a rivelarti che il Web parla inglese.

Inoltre è possibile viaggiare in molteplici paesi, e godere di una serie di opportunità e possibilità disponibili a chi conosce questa lingua. Pensa a tutti i paesi che adottano l’inglese.

Le nuove generazioni lo parlano perché le scuole da anni ormai lo inseriscono obbligatoriamente nei programmi di studi.

Se conosci dei ragazzi russi, ti accorgerai che parlano un inglese fluente. Stessa cosa per gli svedesi, norvegesi, olandesi, giapponesi, tedeschi, danesi, polacchi, etc.

Scegliendo di imparare l’inglese potrai stupire i tuoi amici che non lo parlano o impressionare una ragazza attraente conosciuta per strada (un italiano che parla inglese è quasi una novità!).

Come imparare l’inglese in maniera differente dal solito

Il modo migliore per imparare l’inglese è quello di spostare l’attenzione sul divertimento, la curiosità e su un obiettivo che possa garantirti enormi benefici di tuo interesse. Prendere lezioni su lezioni per imparare la lingua, non serve quasi a nulla.

Dopo poche settimane si abbandona lo studio presi dalla noia e sopraffatti dalla costrizione nel fare qualcosa che apparentemente riteniamo inutile.

L’ideale sarebbe circondarsi di persone che parlano inglese, ma per impararlo il più velocemente possibile è necessario divertirsi.

Ad esempio lo spagnolo l’ho imparato dopo essere rimasto letteralmente folgorato da Madrid durante un capodanno (noche vieja) e diciamolo anche da una serie di conoscenze! :-)

Tornato a casa ero desideroso di apprenderlo per mantenere le mie amicizie. Nel tempo ho visitato Santander, Valencia, Bilbao, Barcellona, Alicante e tante altre città dove torno spesso.

In questo caso, avevo focalizzato quello che era il mio obiettivo: conoscere la lingua per viaggiare senza difficoltà.

Oggi ho una discreta conoscenza della lingua spagnola che mi permette di muovermi anche da solo per far visita ai miei amici (prima ero solito partire sempre in compagnia).

In questi giorni ho scelto di  accantonare i corsi didattici di vecchio stampo per testare un nuovo metodo di apprendimento della lingua inglese che non credevo fosse così divertente e efficace allo stesso tempo.

Crescita Personale

Scarica gratuitamente le 10 lezioni del corso "Personalità" e dai inizio alla tua crescita personale. 

Continua a leggere

Ho perso 17 kg in 16 settimane

Scopri come ho trasformato letteralmente il mio fisico senza andare in palestra ed evitando ogni genere di integratore e farmaco.

Continua a leggere

Inglese in 3 Mesi

Impara tutta la grammatica inglese con il principio di Pareto (80/20) e memorizza facilmente i vocaboli con le tecniche di memoria. 

Continua a leggere

Commenti

Risposte a Come imparare l’inglese in tempi da record senza addormentarsi sui libri

  1. Mai! A scuola ho studiato solo il francese, e per quanto riguarda l'inglese so dire solo i prezzi e ( visto chemi occupo di abbigliamento) se il cliente vuole prvare il capo o se seve un'altra taglia. Stop!

    Grazie

  2. a mio parere il miglior mehtod Inglese imparare è Effortless English System sto usando questo sistema per 2 anni e funziona, parlo veloce senza tradurre parole e frasi nella mia testa, ecco un link a questo metodo: effortlessenglish.it in primo luogo guardare 7 regole da AJ Hoge, egli è grande

    • Ho visto il sito e non parla di tecniche di apprendimento accelerato come intendo io. In secondo luogo, noto come il tuo commento sia una palese traduzione. Forse sei lo stesso "insegnante" proposto nei video del metodo "7 regole"? ;-)

      • come fai a sapere che era chiara traduzione? Io non sono il tipo di video, io sono solo il suo grande fan. Voglio mondo per imparare l'inglese con AJ Hoge.

        BTW Don't you think that Google Translate is great tool I can translate easily comments here and answer them. Good luck from Poland!

  3. Ciao,
    io sono italiano ;-), almeno credo, ed ho imparato l'inglese con i corsi di Aj.
    Devo ammettere che l'autore è un pò egocentrico – troppa pnl fa male, lo dico sempre – e usa strategie di marketing aggressive per noi italiani. Comunque, ritengo che il corso meriti, e alla fine i risultati sono molto migliori di quelli che si possono ottenere con l'approccio alla Matteo Salvo.
    Con Effortless english si arriva a parlare in modo fluente un buon american english, soprattutto con le lezioni "real english" , attraverso le quali si assimilano moltissimi idioms e frasal verbs senza sforzo.
    Con il corso da te consigliato, invece, non solo si creano unicamente delle basi, ma queste basi sono tutt'altro che solide:
    Il sistema per memorizzare le parole conduce ad una pessima pronuncia e l'approssimazione con la quale viene spiegata la grammatica( solo quella elementare) unita all'utilizzo di frasi strutturalmente molto semplici, condiziona alcune abitudini che poi si riveleranno molto più difficili da correggere. My 2 cents;-)

  4. Il corso si basa sulle teorie di Krashen. Le puoi trovare spiegate abbastanza chiaramente in italiano nelle cinque lezioni free di genidellelingue.com

    L’apprendimento è fondamentalmente inconscio e non si memorizzano le singole parole, ma intere FRASI.
    Si impara a costruire, combinare e TRASFORMARE frasi, in modo da pensare direttamente in inglese senza passare per le strutture di pensiero dell’italiano.
    Le memotecniche vengono utilizzate, ma non nel modo classico:

    1 Quando si incontra una struttura che non si conosce, la si usa per esprimere idee che per noi hanno un forte impatto emotivo. Questo processo, se fatto bene, assicura il ricordo della frase. Ma non basta.

    2 Ricordare una struttura non vuol dire saperla utilizzare naturalmente ed inconsciamente con la cadenza perfetta di un madrelingua.
    Proprio come conoscere la tecnica di un GESTO ATLETICO non equivale ad essere in grado di riprodurlo correttamente.
    Per cui vengono usate un altro paio di esercizi.
    Il cui fulcro è interagire solo con MADRELINGUA e rispondere il più velocemente possibile a semplici domande.
    Si insiste molto sul condizionamento fisico/muscolare(lingua, mandibola, orecchio, ciclo di feedback orecchio-bocca) e sul sentire la grammatica somaticamente.
    Ciao

    • Ne avevo già sentito parlare, quando venne lanciato il corso sul blog di Piernicola De Maria. Non so se tu abbia seguito Memo English, ma anche con questo si impara a creare delle frasi e non si limita alla semplice memorizzazione dei vocaboli.

      Ora non entro nel dettaglio perché già l'ho fatto per coloro che si registreranno su http://www.grammaticainglese.com Anche sul punto 2, non mi sembra di riscontrare "novità" rispetto a Memo English.

      Ci tengo in oltre a far presente che insieme a Matteo Salvo, c'è anche John Peter Sloan, che come madrelingua non credo abbia bisogno di referenze :-D inoltre è ha ideato dei percorsi di studio della lingua inglese ideati apposta per gli italiani.

      Comunque mi sono registrato al corso gratuito di genidellelingue.com Toglimi solo un dubbio. Non esiste un video o qualcosa di simile. E' un corso dal vivo. Giusto?

  5. Si, è un corso dal vivo, o meglio lo è stato ;-), perchè non credo abbiano intenzione di ripeterlo. Per quel che riguarda Sloan e memo english, li conosco, ma non ne condivido l'approccio.
    Nel senso che quello che si propongono di fare, lo fanno bene. Con i building blocks impari in poco tempo a "farti capire" in Inglese, minando, forse per sempre, la possibilità di PARLARE E SCRIVERE UN OTTIMO INGLESE.
    Sloan quando scrive e parla in Italiano, senza un minimo di preparazione, lo fa ad un livello abbastanza basso. Ho avuto uno scambio epistolare con lui e, ti giuro, non ho capito una cippa, le sue email erano incomprensibili;-).
    Krashen e Silvia, invece, insistono, molto sulla differenza tra APPRENDIMENTO ED ASSIMILAZIONE e sulla QUALITA'. L'obiettivo di un corso come quello di AJ non è farsi capire, ma parlare in modo naturale ad un livello molto vicino a quello di un madrelingua. Mentre con un corso di base come memo english imho si FOSSILIZZANO solo cattive abitudini.
    Non ci sono tutte le similitudini che vedi tu, si tratta di due approcci completamente differenti, opposti.
    Silvia, al corso dal vivo, quando ha parlato delle strategie alla "Matteo Salvo", gli sono venuti i BRIVIDI e ce le ha assolutamente sconsigliate.
    E se questo lo dice una che a meno di 40 anni parla fluentemente 12 lingue, delle quali in 6/7 ad un livello simile ad un madrelingua (altro che C2 ;-)), io mi fido. Inoltre l'esperienza personale mi ha confermato alla grande la validità del suo approccio.
    Non voglio convincere nessuno, nè sono qualcuno per sparare sentenze. Sinceramente non so nemmeno perchè ho risposto. Comunque questa è solo la mia opinione, lascio il compito di dimostrarne la validità agli scienziati come Krashen e compagnia. L'importante, ora, per me, è recuperare il tempo perso ed applicare la stessa strategia ad altre lingue, in modo da scoprire diverse culture e conoscere uno sfracello di gente. Ciao!

    • Ti ringrazio per la delucidazione. Mi sono iscritto al mini corso gratuito ma ne questo e ne i corsi dal vivo sono più aperti. Lo stesso sito riporta una data ormai passata. Se hai il corso gratuito volevo chiederti cortesemente di inviarmelo. Mi ero registrato tempo fa, mediante De Maria, ma poi un cambio di email, persi il contenuto. In quanto a Sloan, non credo che abbia seguito un corso "alla Matteo Salvo" per imparare l'italiano. Lui stava in Italia prima ancora di realizzare Memo English. Comunque Memo English non è una tappa finale, ma un inizio per vivere la lingua. Lo stesso vale per un corso accademico. Se quello che impariamo non lo mettiamo in pratica, è assolutamente inutile. Con questo metodo ho cominciato a viaggiare da solo nei paesi anglosassoni cosa che facevo solo in Spagna (conosco lo spagnolo). Certo, non ti nascondo che sarei curioso di conoscere anche questo nuovo metodo. Se hai altre informazioni o materiale da segnalarmi mi farebbe piacere consultarlo. Grazie! ;-)

  6. sono d’accordo al cento per cento con te. la cosa migliore per imparare l’inglese è essere motivati da qualcosa che ci interessi. io stessa mi sono resa conto che quando leggo qualcosa in inglese che mi interessi veramente presto attenzione tutto il tempo e le parole mi rimangono veramente impresse. altrimenti la mia mente tende a divagare e dopo 10 minuti stacco!

  7. Qualcuno ha mai sentito parlare del metodo callan? Come approccio al metodo di assimilazione sembrerebbe assomigliare a quanto proposto da AJ. Anche se il metodo è riferito a lezioni interattive in aula con insegnante.

Lascia un commento!

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.